Nuovo Codice della strada 2021: Novità e quando e quando entra in vigore.

 

Il nuovo Decreto Legge infrastrutture e trasporti è realtà.

Il nuovo codice della strada è in vigore dallo scorso 10 novembre.

Tante le modifiche introdotte nel codice della strada.

Preme quindi cercare di fare chiarezza riassumendo brevemente le principali novità contenute con il nuovo decreto.

Strisce pedonali

A carico degli automobilisti la riforma ha introdotto nuovi obblighi di condotta in prossimità delle strisce pedonali; questi ultimi, infatti, non solo dovranno concedere la precedenza ai pedoni che abbiano già impegnato l’attraversamento delle corsie, bensì pure a quelli che risultano in procinto di farlo.

Multa per guida con smartphone

Alla lista di tutto ciò che comporta, anche solo temporaneamente, l’allontanamento delle mani dal volante mentre si conduce un veicolo sono stati aggiunti “smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino “.

Bonus patente

Previsto un contributo per chi consegue la patente di guida: fino a mille euro per i giovani under 35 anni, per chi riceve reddito di cittadinanza ovvero ammortizzatori sociali. Tale contributo non potrà oltrepassare il 50 per cento della globalità delle spese sostenute per il conseguimento della patente. L’istante avrà l’onere di comprovare di voler operare nel comparto dell’autotrasporto, attraverso un contratto da conducente da presentare entro tre mesi.

Parcheggi per persone disabili

Per tutti coloro che decideranno di occupare illegittimamente con il proprio veicolo i posti riservati ai disabili le sanzioni sono state notevolemente inasprite. Le multe andranno da 168 a 672 euro (prima erano da 84 a 335 euro) e i punti decurtati, da 2 triplicheranno a 6. A decorrere dal gennaio 2022, inoltre, il parcheggio sulle strisce blu diventa gratuito per le persone disabili.

Multe al passeggero senza casco

Il guidatore di una moto sarà multato se il proprio passeggero non indossa il casco, indipendentemente dall’età (prima i maggiori di 18 erano esonerati dall’obbligo).

Monopattini

Per i monopattini il casco continua a non essere obbligatorio ma sarà tuttavia obbligatorio l’uso delle frecce e l’assicurazione per i monopattini a noleggio. Inoltre, la velocità massima di circolazione è prevista a 20 km/h (non più a 25). 

Sosta auto elettriche

Stop ai furbetti della sosta sugli stalli riservati alle elettriche.

I parcheggi con le colonnine di ricarica potranno essere occupati unicamente per il periodo necessario per ricaricare l’accumulatore. Trascorsa un’ora scatta il divieto di sostare oltre. Esclusa dal divieto la fascia oraria tra le 23 e le 7 del mattino. 

Telecamere su passaggi a livello

L’omesso ossequio al divieto di attraversamento del passaggio a livello potrà essere rilevato per il tramite di appositi dispositivi, dedicato all’accertamento e al rilevamento automatico delle violazioni, installati dal gestore dell’infrastruttura ferroviaria.

Stop ai mezzi di trasporto pubblico inquinanti

Per ridurre le emissioni di CO2 e l’inquinamento nei centri urbani è prevista una graduale limitazione alla circolazione dei vecchi mezzi più inquinanti adibiti al trasporto pubblico locale e alimentati a benzina e gasolio.

Nello specifico, a decorrere dal 30 giugno 2022 è vietata la circolazione dei veicoli di categoria M2 e M3 con caratteristiche Euro 1, a decorrere dal primo gennaio 2023 è vietata la circolazione alle stesse categorie di mezzi con caratteristiche Euro 2, mentre dal primo gennaio 2024 il divieto riguarderà i mezzi Euro 3. Per contribuire al rinnovo dei veicoli adibiti al trasporto pubblico locale sono previsti 5 milioni di euro per il 2022 e 7 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2023 al 2035.

Parcheggi “rosa” per le donne in gravidanza e i neo genitori

Istituiti i “parcheggi rosa”, destinati alle donne in stato di gravidanza e genitori con figli fino a due anni, dietro l’esibizione del rispettivo contrassegno.

Foglio rosa

Il foglio rosa avrà validità 12 mesi.

L’esame di guida per la patente B potrà essere ripetuto per tre volte.

I neopatentati potranno inoltre guidare un mezzo fino a 95 Cv di potenza a patto che sia presente al loro fianco una persona di età non superiore a 65 anni con una patente conseguita da almeno 10 anni.

Previsto, inoltre, l’inasprimento delle sanzioni amministrative verso chi si esercita in assenza di istruttore: da un minimo di 430 euro a un massimo di 1.731 euro, nonché la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi.

No alla pubblicità offensiva o discriminatoria

Il testo prevede il divieto di pubblicità dal contenuto sessista o violento, nonché dei “messaggi lesivi del rispetto delle libertà individuali, dei diritti civili e politici, del credo religioso o dell’appartenenza etnica oppure discriminatori con riferimento all’orientamento sessuale, all’identità di genere o alle abilità fisiche e psichiche”. L’infrazione al divieto comporta la revoca della relativa autorizzazione, come anche la rimozione del cartello. 

Perchè scegliere Assisto?

Assisto, in caso di sinistri stradali, infortuni sul lavoro o responsabilità medica, oltre a tutelare i diritti del danneggiato grave, affianca con la massima professionalità e trasparenza i suoi parenti senza chiedere nessun anticipo alle famiglie, mettendo a disposizione il proprio gruppo di esperti nel settore.

Il nostro team di esperti cura con decennale esperienza nel settore ogni aspetto della legislazione. Il nuovo codice della strada pertanto è di fondamentale importanza per tutelare i nostri assistiti. Per un approfondimento sul nuovo codice stradale vi consigliamo di fare riferimento al seguente link:

Codice della Strada: da oggi in vigore le nuove norme contenute nella legge di conversione del Decreto infrastrutture e trasporti